Gli Amori di Casanova

Le Avventure e gli Amori di Giacomo Casanova

Giacomo Casanova sapeva certamente farsi amare, dalle donne così come dai ricchi signori e dagli uomini di Chiesa, anche se il suo comportamento libertino gli causò non pochi problemi e repentini allontanamenti dagli ambienti nobili ed ecclesiastici nei quali era stato accolto.

D'altra parte furono proprio la sua condotta originale e l'inesauribile inventiva a rendere Casanova un personaggio immortale, benvoluto dai nobili e dalle signore, affascinante a tal punto da diventare l'icona che incarna la seduzione.

L'avventuriero veneziano venne ospitato nelle Corti delle principali capitali europee dove organizzò lotterie e feste, s'impegnò in missioni diplomatiche, propose riforme, si attivò nel commercio dei tessuti ed ovviamente sedusse ed ammaliò numerose donne.

La giovane fanciulla del popolo, la cantante che si fingeva una voce bianca per esibirsi in pubblico, la nobildonna, la suora: donne di ogni strato sociale e cultura figurano tra gli amori di Giacomo Casanova.

Si narra però che anche i libertini più sfrontati s'innamorino e forse la passione più grande venne riservata da Casanova alla sua Henriette, che sappiamo venne incontrata nel 1749, ma non possediamo certezze in merito alla sua identità.

Dietro il soprannome si potrebbero, infatti, celare diverse signore, ma anche in questo risiede il fascino delle opere di Casanova nelle quali fantasia e realtà si intersecano in maniera suggestiva.